La salute in tempo di crisi

Pubblicato dall’ISTAT (link) il rapporto sulle condizioni di salute della popolazione e sulla risposta dell’assistenza sanitaria ai bisogni di salute. L’indagine, condotta dall’Istat con il sostegno del Ministero della Salute e delle Regioni, dal titolo “Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari” fornisce un quadro allarmante. Nel periodo preso in esame (Settembre-dicembre 2012) sono stati analizzati i comportamenti relativi alla salute e all’utilizzo dei servizi sanitari tenendo conto delle caratteristiche demografiche e socio-economiche dei cittadini. Dalle informazioni raccolte sono stati costruiti indicatori su condizioni di salute e qualità della vita, presenza di disabilità, stili di vita, prevenzione,ricorso ai servizi sanitari e livello di soddisfazione, rinuncia a prestazioni sanitarie, uso dei farmaci. Ne scaturisce la possibilità di individuare quale sia la popolazione a rischio; studiare le disuguaglianze nella salute e nell’accesso ai servizi; conoscere i profili degli utilizzatori dei servizi sanitari e le modalità di fruizione. Integrando con tali informazioni le fonti di dati amministrativi è possibile arricchire la base informativa necessaria per la pianificazione socio-sanitaria e la promozione della salute pubblica, sia a livello nazionale che a livello locale. Tra i dati emergenti:

  • stanno bene i due terzi della popolazione, male il 7,7%;
  • gli anziani, soprattutto se del Sud stanno peggio, anche sotto il profilo psicologico;
  • aumenta il consumo sanitario ma con riduzione della spesa odontoiatrica e dietologica;
  • il livello di soddisfazione per il servizio sanitario pubblico è sufficiente (in una scala da 1 a 10), maggiore al Nord, inferiore al Sud;
  • tra le donne prevale la multicronicità, tra gli uomini le malattie croniche gravi;
  • c’è una lieve riduzione del ricorso al ricovero ospedaliero;
  • il 10% della popolazione ha rinuciato ad una qualche prestazione sanitaria

Quest’ultimo rappresenta il dato più allarmante. Sei milioni di persone  rinuciano a cure pure importanti, di questi la metà per motivi economici, seguono i problemi di offerta (liste di attesa troppo lunghe o orari scomodi per l’appuntamento o difficoltà a raggiungere la struttura) gli impegni di lavoro o familiari e altro. A rinunciare sono più spesso le donne (i due terzo)specie se vivono al Sud e sono nella fascia 45-64 anni. Anche la disoccupazione gioca il suo ruolo, oltre il 20% dei rinuciatari si trova in tale condizione. Per quanto riguarda il territorio, al Sud si rinuncia per motivi economici, al Centro per problemi legati all’offerta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.