5 per mille 2010

Pubblicati sul sito dell’Agenzia delle Entrate gli elenchi degli ammessi e degli esclusi al 5 per mille 2010 con l’indicazione delle scelte e degli importi (link). Sono moltissimi gli italiani che esprimono la loro scelta al momento della presentazione della documentazione fiscale. Circa 15 milioni di scelte con preferenza, è giusto che sia così, alle associazioni di volontariato.
Scorrendo la graduatoria delle scelte la top ten è così composta:

  1. Associazione Italiana per la ricerca sul cancro (circa 54 milioni di euro)
  2. Emergency (oltre 10 milioni di euro)
  3. Medici senza frontiere (oltre 8 milioni di euro)
  4. Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor (6 milioni e 600mila euro)
  5. Comitato Italiano Unicef (6 milioni e 100mila euro)
  6. Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro (5 milioni e 100mila euro)
  7. AIL (5 milioni di euro)
  8. Istituto europeo di oncologia (4 milioni e 875mila euro)
  9. Federazione Italiana Sclerosi Multipla (4 milioni e 115mila euro)
  10. ACLI (3 milioni e 657mila euro)

Colpisce il dato della tripla iscrizione dell’AIRC sia nelle associazioni di volontariato che di ricerca scientifica che sanitarie e quello della doppia iscrizione del San Raffaele (volontariato e ricerca). Le scelte e gli importi destinati sembrano anche indicare una “classifica” dei valori che più stanno a cuore agli italiani: su tutti la salute (i primi nove posti la riguardano) e le sue articolazioni: tumori, aiuti al terzo mondo, sclerosi multipla. Resta l’anomalia tutta italiana dell’utilizzo ad ampio raggio del 5 per mille, nato in Europa per il sostegno al volontariato e diventato strumento per la ricerca scientifica, l’assistenza, il sostegno ai comuni (sic !) e allo sport. Che poco serva a comuni e sport lo dimostrano le scelte e gli importi: 12 milioni e rotti di euro con 431mila a Milano, che occupa la prima piazza, per quanto riguarda i comuni, 6 milioni e 500mila per quanto riguarda lo sport con l’Associazione Sportiva Dilettantistica Centro Schuster che raccoglie la palma con 45mila euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *