Morire con dignità

morireVivere e morire con dignità

Morire, un argomento che di solito viene evitate. Eppure sarebbe necessaria una disamina al fine di poter meglio affrontarne gli aspetti, evitando sofferenze, incomprensioni e, soprattutto, la perdita della propria dignità.  La competenza clinica, la volontà di educare e la rassicurazione calma ed empatica sono fondamentali per aiutare i pazienti e le famiglie nelle ultime ore di vita. Per la maggior parte dei pazienti che muoiono si verificano cambiamenti fisiologici prevedibili. I principi di gestione sono gli stessi a casa o in un istituto di assistenza. Tuttavia, la morte in un istituto richiede strutture in grado di garantire la privacy e le usanze culturali e la comunicazione non può essere quella di uso comune. In previsione dell’evento, bisogna informare la famiglia e gli altri operatori sanitari su cosa fare e cosa aspettarsi, con riguardo ad argomenti quali il rigor mortis, come chiamare le pompe funebri,  dire addio al proprio familiare e spostare la salma. L’assistenza non finisce fino a quando il medico non ha aiutato la famiglia con attenzione alle loro reazioni al dolore. Le cure alla fine della vita sono una responsabilità importante per ogni professionista della salute e vi è un corpo di conoscenze per guidare la cura.
In sintesi, mantenere questi punti chiave in mente:
– C’è solo una possibilità di ottenere la giusta gestione delle ultime ore.
– I pazienti nelle ultime ore di vita di solito hanno bisogno di assistenza qualificata tutto il giorno. L’ambiente deve consentire alla famiglia e agli amici un pronto accesso al loro caro in un ambiente che è favorevole alla privacy e all’intimità.
– La preparazione preventiva e l’educazione dei professionisti, della famiglia e del volontariato sono essenziali. Essi dovrebbero anche essere informati circa i potenziali tempo del corso, i segni e i sintomi del processo di morte, e il loro potenziale di gestione. Il medico o l’infermiere devono aiutare i familiari a capire che ciò che vedono può essere molto diverso da ciò che il paziente sta vivendo.
– I cambiamenti fisiologici del morire sono complessi. Per controllare efficacemente ogni sintomo, i medici devono avere una comprensione della sua causa, della fisiopatologia sottostante e dei farmaci che è opportuno utilizzare.
– Quando la morte è imminente, la “fatica” è prevista come una parte del processo di morte e, nella maggioranza dei casi, non deve essere trattata medicalmente.
– La maggior parte dei pazienti perdono il loro appetito e ridurre l’assunzione di cibo molto prima che raggiungano le ultime ore della loro vita. L’anoressia può essere protettivo e la chetosi risultante può portare ad un maggiore senso di benessere e ridurre il dolore.
– La maggior parte dei pazienti tende anche a ridurre l’assunzione di liquidi o smette di bere del tutto, molto prima di morire. La disidratazione nelle ultime ore di vita non causa disagio e può stimolare il rilascio di endorfine, che si aggiunge alla sensazione di benessere del paziente.
– L’umidità deve essere mantenuta nelle membrane mucose con meticolosa igiene e lubrificazione orale, delle labbra e del naso.
– La maggior parte dei pazienti hanno sempre più sonnolenza e dormono la maggior parte del tempo, fino a diventare non risvegliabili. L’assenza di riflessi indica un livello profondo di coma equivalente ad anestesia totale.
– Si presume che il paziente incosciente senta tutto.
– Lamenti, gemiti e smorfie che accompagnano l’agitazione e l’irrequietezza sono spesso fraintesi come dolore. Potrebbe anche verificarsi un delirio terminale. Anche se gli oppioidi possono essere utili nel paziente incosciente che è difficile da valutare, potrebbero essere necessari benzodiazepine o neurolettici sedativi per gestire il delirio terminale. Le benzodiazepine possono causare effetti eccitanti paradossali; questi pazienti richiedono farmaci neurolettici per controllare il loro delirio.
– La funzionalità epatica e la perfusione renale ridotta possono cambiare la farmacologia dei farmaci somministrati cronicamente.
– Speso si accumulano secrezioni dall’albero tracheobronchiale. Scopolamina o glicopirrolato potranno effettivamente ridurre la produzione di saliva e altre secrezioni.
– Morire in un istituto presenta sfide particolari. Priorità e piani di assistenza alla fine della vita differiscono da quelle priorità e piani focalizzati su un prolungamento della vita e la cura.
– Le discussioni sulla pianificazione dovrebbero coprire tradizioni personali, culturali e religiose; riti e rituali come le preghiere devono essere effettuate; va stabilito come trattare il corpo di una persona dopo la morte e quando e come il corpo può essere spostato.
– Quando si verifica una morte prevedibile, il centro delle cure si sposta alla famiglia e  a coloro che hanno fornito assistenza.
– Le reazioni acute dolore dovrebbero essere affrontate, in particolare quando il corpo viene spostato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.