Telemedicina: un’esperienza americana (3/3)

telemedicina

Telemedicina in USA Terza parte

Sono molti gli esperimenti “tele” in corso negli Stati Uniti, tra cui tele pediatria, tele dermatologia, tele neurologia, tele psichiatria, tele oftalmologia, tele patologia, tele broncologia e telenursing. La previsione è che la telemedicina raddoppierà nei prossimi cinque anni.
La maggior parte di queste tecnologie supportano il concetto originale di telemedicina, ovvero l’utilizzo della tecnologia per portare assistenza di alta qualità alle persone fuori dai sentieri battuti. Il problema tuttavia è quello economico, occorrono molti soldi, e alcuni programmi di telemedicina hanno dovuto affidarsi pesantemente sulle sovvenzioni federali, statali e private per acquistare l’hardware, il software e i sistemi di rete  necessari per estendere la cura ai pazienti a distanza. Il programma pilota della Commissione federale delle comunicazioni Rural Health Care, per esempio, è stato lanciato nel 2007 con 417.000.000 dollari per costruire e ampliare le reti Internet a banda larga per l’assistenza sanitaria. Il Mill Pond Health Center sull’isola di Swan, a sei miglia al largo della costa del Maine, è tra 500 strutture in tutto il New England che hanno ricevuto sovvenzioni attraverso il programma degli ultimi anni. Utilizzando una connessione Internet e un monitor televisivo ad alta definizione i residenti dell’isola possono avere visite faccia a faccia con i medici del Mount Desert Island Hospital a Bar Harbor, a circa 25 miglia di distanza.
Donna Wiegle, un tecnologo medico e unico dipendente del centro di salute, prepara i pazienti per ogni sessione. Prende i loro parametri vitali, e li aiuta a posizionarsi su una sedia esame di fronte al monitor, in modo che i medici possano esaminarli in remoto. Uno stetoscopio digitale può trasmetterei suoni cardiaci e polmonari. “Cerchiamo di rendere il processo di assomigliare un ufficio visita il più possibile”, dice Wiegle, che stima che ci sono circa 60 visite di telemedicina l’anno per i 350 residenti a tempo pieno dell’isola. Coloro che preferiscono essere visto di persona devono attendere quando un medico dalla terraferma arriva al centro di due volte al mese.
Fornire assistenza primaria a distanza può anche avere senso in luoghi in cui l’accesso non è un problema. Negli ultimi due anni, i pazienti affiliati la MGH sono stati in grado di optare per tali alternative alle tradizionali visite ambulatoriali, e finora circa un quinto degli 8.000 pazienti eleggibili hanno partecipato. L’MGH sta espandendo visite virtuali per includere i pazienti neurologici, che scaricano il software sui loro computer consentendo di avere una consultazione sicura faccia a faccia con uno specialista.I pazienti sembrano entusiasti della convenienza ma sottolinea la telemedicina non sostituisce di persona gli appuntamenti per i pazienti che stanno sperimentando nuovi sintomi neurologici.
Gli incontri telemedicina potrebbero anche aiutare i pazienti a evitare il traffico, l’ansia o il tempo sprecato, ma quale sia il loro impatto sarà sulla qualità complessiva delle cure rimane sconosciuto. “Questi sono i primi giorni”, dice Lee Schwamm, un neurologo, direttore del TeleStroke e dei servizi Acute Stroke al MGH, che ora fornisce circa un terzo della sua cura al follow-up del paziente attraverso visite virtuali. “E’ un modo molto diverso di interagire con i pazienti”, dice, facendo notare che i pazienti nel comfort della propria casa hanno più probabilità di aprire le loro lotte emozionali, per esempio. D’altra parte, coloro che vengono in ambulatorio possono interagire con gli assistenti medici o infermieri, possono assicurarsi informazioni mediche aggiornate e sottoporsi a prelievi. Tutto questo deve essere riassemblato in modo da fornire cure efficaci.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.